La villa in età romana era essenzialmente una casa di campagna. Sviluppatasi in Italia in particolare a partire dall’età tardo-repubblicana, sorgeva come residenza padronale al centro di un complesso di edifici e di terreni destinati alla produzione agricola oppure come luogo per il riposo (otium) dalle attività e dagli affari (negotium) praticati in città.